Attendiamoci Onlus

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Attendiamoci Onlus
 
 
 
 

 Attendiamoci Onlus

Semplicemente insieme Stampa E-mail
Sabato 01 Marzo 2008 14:33

Lasciati colpire...

Il sostantivo affetto deriva dal verbo latino afficere: colpire. Vivere la dimensione affettiva significa, così, colpire e lasciarsi colpire.

Per colpire bisogna focalizzare il bersaglio, affinare lo sguardo, raccogliere le energie, liberarle nel modo e nel momento giusto, provare e riprovare per andare con sempre maggiore precisione a segno.

Affezionarsi significa anche creare legami. Lasciarsi coinvolgere, creare vincoli. L’esistenza non è il vuoto fluttuare nel vuoto, abbiamo bisogno di legami, di appartenenza, per questo siamo esseri affettivi possediamo tale energia meravigliosa che, vissuta male, ci può trascinare nella schiavitù delle dipendenze.

La vita degli affetti, così, non è sempre facile, la sua realizzazione non è scontata. Spesso la confondiamo con la soddisfazione di bisogni, o con la convulsa gestione degli istinti. La dimensione affettiva, invece, è una nostra componente essenziale, ci costituisce come persone verso, come capaci ed esigenti di incontro; è l’energia delle relazioni, è la spinta all’incontro, non  si risolve nelle e-community, nei tanti contatti telematici, nei superficiali rapporti, nei legami disordinati, nell’inebriante confusione dei tanti rumori del cuore.

Ha bisogno di volti, di ascolto, di stima, di abbracci, di tempi, di luoghi, di condivisione. Per formarsi in tale dimensione non ci sono scuole, palestre o libri; bisogna, con determinazione, entusiasmo e disciplina, attraversare il percorso dell’esistenza, il graduale pellegrinaggio lungo la via dell’Amore, tenendo gli occhi aperti alla meraviglia, le orecchie pronte all’ascolto, il cuore libero per l’incontro. Bisogna andare incontro e camminare insieme.

E’ quello che vi proponiamo: inoltrarci insieme nel meraviglioso percorso della vita, forti della consapevolezza che il mistero dell’altro getta luce sul mistero che siamo e ci educa a lasciarci colpire senza la paura di innamorarci, di guardare con occhi affezionati la vita, di saperci pro-gettare, con senso di profezia.

Così potremo colpire con precisione e raggiungere con speranza certa le mete di bellezza che ci poniamo innanzi e che danno senso alla fatica del nostro cammino.

Ci educheremo in questo modo alla graduale totalità dell’Amore, perché solo chi si sa affezionare può amare. Cioè sa colpire senza fare del male, può lasciarsi colpire abbassando le difese; può colpire con delicatezza, ma anche con coraggio, colpire senza voler ferire. Creare legami senza creare schiavitù di dipendenza, creare legami per educare alla libertà; creare legami per condividere l’unicità dell’esistenza.

Per questo, abbiamo pensato di dedicare l’anno che si apre alla dimensione affettiva, e vi invitiamo al nostro itinerario formativo dal titolo "Semplicemente insieme", che come ormai da tempo si svolgerà il giovedì dalle 20:15 alle 22:30 secondo il consueto stile dei quattro incontri mensili: percorso spirituale, percorso psicologico, ospite jolly esperienziale, serata autogestita.

Con l’augurio di affezionarci sempre più anche nella condivisione di questo itinerario, vi aspetto e vi benedico con l’affetto di sempre  e nell’amore del Padre.

Don Valerio